Il bimbo di 2 anni caduto nel pozzo a Velletri non ce l’ha fatta. Oggi il suo cuoricino ha cessato di battere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il bambino di 2 anni, caduto in un pozzo a Velletri, non ce l’ha fatta. Oggi, nel tardo pomeriggio, è morto nell’ospedale Bambin Gesù di Roma, dove era ricoverato subito dopo l’incidente avvenuto sabato. Sin dall’inizio le sue condizioni erano giudicate disperate a causa delle numerose ferite riportate. I medici lo avevano sottoposto a tutte le cure del caso con “supporto vitale avanzato”, ossia la respirazione artificiale.

Stando a quanto si apprende, è stato fatale un arresto cardiocircolatorio. I carabinieri hanno cercato di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti, descritti come una tragica fatalità: stava correndo per giocare con la sorellina quando è scivolato nel pozzo. La morte del bimbo di 23 mesi ha riportato alla memoria quello accaduto al Vermicino ad Alfredino Rampi, che a 6 anni finì in un pozzo. Quella storia attirò l’attenzione mediatica, diventando un caso che scosse l’Italia intera.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA