Il brutto scherzo dell’ex amico Putin

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Di Carola Olmi

Le sanzioni di Stati Uniti ed Europa alla Russia per la crisi Ucraina e l’abbattimento del volo MH17 malese presentano già il conto. La reazione di Mosca è stato il blocco delle importazioni alimentari, finendo per penalizzare i Paesi esportatori tra cui c’è ovviamente l’Italia. Le restrizioni europee colpivano già i settori bancario, petrolifero e militare. Gli Stati Uniti, in particolare, hanno sanzionato singole banche, aziende e individui e formalizzato il divieto a soggetti statunitensi di intrattenere rapporti commerciali e finanziari con tali controparti. L’Unione europea ha varato sanzioni individuali contro esponenti politici, vietato l’accesso al mercato dei capitali in Europa ad alcune banche russe e proibito l’import/export di beni militari e l’esportazione di tecnologia destinata al settore petrolifero russo.

Colpo al Made in Italy
Secondo un report della Sace – la nostra società pubblica per il sostegno degli investimenti all’estero – l’export italiano sarà negativamente colpito dalle nuove sanzioni contro la Russia con una possibile riduzione dell’export Made in Italy in Russia nel biennio 2014-2015 compreso tra 0,9 e 2,4 miliardi di euro a seconda dell’evoluzione dello scenario, cioè di inasprimento o meno del conflitto in corso. Il settore più esposto all’impatto delle sanzioni è la meccanica strumentale che potrebbe registrare una perdita di esportazioni tra 0,5 e 1,0 miliardi di euro nel biennio 2014-2015.

Banche nel mirino
L’interferenza della Russia nel conflitto in Ucraina è stata la principale ragione dell’intervento di Usa e Ue nei rapporti tra i due paesi tramite l’adozione di sanzioni a partire dello scorso marzo. L’appoggio russo ai movimenti separatisti ucraini e l’annessione della Crimea alla Russia sono stati gli elementi che hanno spinto la comunità internazionale a prendere posizione contro l’ingerenza russa nella politica ucraina. Tra marzo e luglio le sanzioni adottate da Stati Uniti e Europa sono state progressivamente inasprite. I provvedimenti inizialmente hanno colpito esponenti politici ucraini e russi tramite travel ban e congelamento degli asset. I provvedimenti adottati dagli Usa nei successivi round hanno introdotto il divieto formale per i soggetti statunitensi di condurre attività commerciali e finanziarie con soggetti russi, tra cui spiccano i nomi di aziende del settore energetico (Novatek e Rosneft) e bancario (Gazprombank e Vnesheconombank). L’Europa ha invece sanzionato esponenti politici e economici russi e ucraini e ha approvato la sospensione di nuovi programmi di finanziamento diretti alla Russia da parte della Banca Europea per gli Investimenti (Bei) e della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (Bers).

Doccia fredda
A livello europeo i Paesi maggiormente esposti al rischio di un calo dell’interscambio commerciale sono Germania e Italia. le nostre imprese in particolare subirebbero una contrazione di circa il 9% delle vendite nel 2014 e un recupero dello 0,5% nel 2015 per una perdita totale di esportazioni pari a 938 milioni nel biennio. La riduzione sarebbe più marcata nel settore della meccanica strumentale, con una potenziale perdita di export di quasi 500 milioni.