Il Coronavirus ha contagiato oltre 12mila italiani. Le fabbriche vogliono chiudere. Protestano anche commercianti, farmacisti e medici

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Protestano gli “indispensabili”, cioè tutte le attività che il Governo, dopo la nuova stretta necessaria per fronteggiare l’epidemia di Coronavirus, ha escluso dalle categorie (bar, pub e ristoranti etc) che dovranno rimanere chiuse fino al 25 marzo. Fabbriche, commercianti e commessi, farmacisti, fino ai medici di famiglia. E’ un Paese nel caos, quello che si è risvegliato, questa mattina, con migliaia di agenti e militari a sorvegliare le strade (oltre 2mila, secondo i dati del Viminale, le persone denunciate per violazione delle restrizioni). Mentre il Covid-19 continua – per ora in modo inarrestabile – a contagiare gli italiani, con un trend di oltre 2mila pazienti positivi in più al giorno.

Secondo l’ultimo censimento, reso noto, questa sera, dal capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, i positivi sono 12.839, 1.258 i guariti e 1.016 le vittime, che le analisi dell’Istituto superiore di Sanità dovranno però confermare. Di questi: 5.036 pazienti sono in isolamento fiduciario a casa, 1.153 sono in terapia intensiva e 6.650 in isolamento in ospedale. “Tutti noi dobbiamo fare un sacrificio – ha detto Borrelli -, la regola principale è mantenere le distanze anche in famiglia. In questo periodo si sta registrando una contrazione della donazione del sangue. Ma donare è fondamentale e avviene in assoluta sicurezza. Dunque facciamo un appello a tutti i cittadini: continuate a donare perché è fondamentale per salvare vite umane”. Per il contenimento ci vorrà ancora tempo, ha detto Walter Ricciardi dell’Oms: “Dobbiamo abituarci ad una lunga guerra. Ci vorranno almeno due settimane per veder diminuire il numero dei contagi. I ragazzi devono stare a casa”.

Dal fronte delle proteste, quelle più accese riguardano le fabbriche, con le prime agitazioni, soprattutto in Piemonte e Lombardia, già in corso da oggi. Fim, Fiom e Uilm, che questa mattina avranno un confronto con il premier Giuseppe Conte e i ministri Catalfo, Gualtieri e Speranza, chiedono il fermo delle attività produttive fino al 22 marzo. Le categorie dei metalmeccanici di Cgil, Cisl e Uil chiedono al Governo “norme chiare e cogenti per le imprese” e un blocco momentaneo delle produzioni “al fine di sanificare, mettere in sicurezza e riorganizzare tutti i luoghi di lavoro”. Escludendo dal fermo le aziende che svolgono servizi pubblici essenziali e quelle che producono materiali sanitari.

Protestano anche i medici di famiglia. Tramite la Federazione nazionale degli ordini dei medici, chiedono ambulatori a porte chiuse, la sospensione dell’accesso libero dei pazienti e visite solo su appuntamento per i casi più gravi. I farmacisti, attraverso Federfarma, denunciano la mancanza di mascherine. “Persiste e, anzi, si fa sempre più preoccupante – scrive in una lettera al ministro Speranza il presidente di Federfarma, Marco Cossolo – il problema della mancanza di mascherine su tutto il territorio nazionale”. Federfarma ha chiesto anche che “le farmacie possano esercitare il servizio a battenti chiusi”. “Siamo allo sbaraglio” dicono dalla categoria di commesse, cassieri e addetti alle vendite dei supermercati chiedendo tamponi, guanti e mascherine. “Il settore ha rischi fortissimi: basta immedesimarsi in un addetto alle vendite di un supermercato per capire cosa significa” ha spiegato Alessio Labio, responsabile Cgil Ccnl per il Terziario.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA