Il Coronavirus perde forza, ogni 100 tamponi si scoprono circa 3 contagi. Oltre 83mila malati sono a casa. Ancora in calo i ricoveri ma resta alto il numero dei decessi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’80% dei malati, ancora oggi positivi al Coronavirus – ad oggi 83.652 – si trovano in isolamento domiciliare asintomatici o con sintomi lievi. E solo 3,2 persone ogni 100 tamponi processati risultano contagiate registrando il dato più basso dall’inizio dell’emergenza. Secondo l’ultimo aggiornamento, fornito questa sera dal Dipartimento di Protezione civile, il numero totale degli attualmente positivi è di 104.657, con una decrescita, rispetto a ieri, di 548 contagi.

Tra questi, 1.795 sono ricoverati nelle terapie intensive, con una decrescita di 68 pazienti, sempre rispetto a martedì, 19.210 sono ricoverati con sintomi nei reparti ordinari (-513) e 83.652, pari, per l’appunto, al 80% degli attualmente positivi sono in isolamento. Rispetto a ieri, tuttavia, è ancora alto il numero di deceduti, 323, che portano il totale a 27.682. Il numero complessivo di guariti e dimessi sale, invece, a 71.252, con un incremento di 2.311 casi rispetto a ieri.

Nel dettaglio (qui la mappa dei contagi) i casi attualmente positivi sono: 36.122 in Lombardia, 15.521 in Piemonte, 11.862 in Emilia Romagna, 8.369 in Veneto, 5.663 in Toscana, 3.576 in Liguria, 4.535 nel Lazio, 3.347 nelle Marche, 2.782 in Campania, 2.927 in Puglia, 1.463 nella Provincia autonoma di Trento, 2.145 in Sicilia, 1.227 in Friuli Venezia Giulia, 1.976 in Abruzzo, 845 nella Provincia autonoma di Bolzano, 261 in Umbria, 761 in Sardegna, 135 in Valle d’Aosta, 753 in Calabria, 194 in Basilicata e 193 in Molise.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA