Il discorso di Ursula von der Leyen sullo Stato dell’Ue

La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha parto dell'Ucraina nel corso del suo discorso sullo Stato dell'Unione.

“La solidarietà dell’Europa nei confronti dell’Ucraina rimarrà incrollabile. Fin dal primo giorno, l’Europa è stata al fianco dell’Ucraina. Con armi. Con fondi. Con l’ospitalità per i rifugiati. E con le sanzioni più dure che il mondo abbia mai visto. Il settore finanziario della Russia è in crisi”. È quanto ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel corso del suo discorso sullo Stato dell’Unione.

PARLAMENTO EUROPEO, DISCORSO SULLO STATO DELL'UNIONE

La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha parto dell’Ucraina nel corso del suo discorso sullo Stato dell’Unione

La von der Leyen si è presentata nell’Aula della plenaria del Parlamento europeo indossando una giacca gialla e una maglia blu, accompagnate da una spilla dai colori della bandiera ucraina. “Voglio essere molto chiara – ha poi annunciato -: le sanzioni sono destinate a rimanere. Questo è il momento di mostrare determinazione, non acquiescenza”.

“Porteremo l’Ucraina nella nostra area europea di free roaming. Le nostre corsie di solidarietà sono un grande successo. Sulla base di tutto ciò – ha detto ancora la von der Leyen -, la Commissione collaborerà con l’Ucraina per garantire un accesso senza soluzione di continuità al mercato unico. E viceversa”.

“Il nostro mercato unico – ha aggiunto la presidente della Commissione Ue – è una delle più grandi storie di successo dell’Europa. È ora di renderlo un successo anche per i nostri amici ucraini. È per questo che oggi mi reco a Kiev, per discuterne in dettaglio con il Presidente Zelensky”.

“Milioni di europei hanno bisogno di sostegno. Gli Stati membri dell’Ue – ha proseguito – hanno già investito miliardi di euro per assistere le famiglie vulnerabili. Ma sappiamo che non sarà sufficiente. Per questo motivo proponiamo un tetto ai ricavi delle aziende che producono elettricita’ a basso costo. La nostra proposta raccoglierà più di 140 miliardi di euro per gli Stati membri per attutire il colpo direttamente”.

“Il settore finanziario della Russia è in agonia. Abbiamo tagliato fuori dai mercati internazionali tre quarti del settore bancario russo”

“Il settore finanziario della Russia è in agonia. Abbiamo tagliato fuori dai mercati internazionali tre quarti del settore bancario russo” ha detto ancora Ursula von der Leyen. “Quasi mille aziende internazionali hanno lasciato il Paese. La produzione di automobili è diminuita di tre quarti rispetto all’anno scorso”.

“L’Aeroflot sta mettendo a terra gli aerei – ha rimarcato la presidente della Commissione europea – perché non ci sono più pezzi di ricambio. L’esercito russo sta prendendo i chip da lavastoviglie e frigoriferi per riparare il proprio hardware militare. L’industria russa è a pezzi. È il Cremlino che ha messo l’economia russa sulla strada dell’oblio. Questo è il prezzo per la scia di morte e distruzione di Putin”.

L’Ue creerà una nuova Banca europea dell’idrogeno

La von der Leyen ha annunciare la creazione di una nuova Banca europea dell’idrogeno che “contribuirà a garantire l’acquisto di idrogeno, in particolare utilizzando le risorse del Fondo per l’innovazione. Potrà investire 3 miliardi di euro per aiutare a costruire il mercato futuro dell’idrogeno”.

“Gli Stati membri dovrebbero avere maggiore flessibilità sui loro percorsi di riduzione del debito. Ma ci dovrebbe essere una maggiore responsabilità sul rispetto di ciò che abbiamo concordato”, ha poi detto von der Leyen. Nella riforma del Patto di stabilità, “dovrebbero esserci regole più semplici che tutti possono seguire”, ha sottolineato, indicando la necessità di “aprire lo spazio per investimenti strategici e dare ai mercati finanziari la fiducia di cui hanno bisogno”.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 13:09
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram