Il fisco spagnolo vuole squalificare Messi. Chiesti 22 mesi di carcere per il campione argentino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Leo Messi rischia il carcere. Per i campione argentino del Barcellona l’avvocatura dello Stato spagnola ha chiesto una condanna a 22 mesi e mezzo di carcere per evasione fiscale. Secondo il giornale El Pais sono tre gli episodi contestati che ci sono stati tra il 2007 e il 2009. Nella ricostruzione viene specificato che a pronunciarsi è stato un altro organo della giustizia spagnola rispetto alla procura, che nei giorni aveva “scagionato” l’attaccante dalle accuse in quanto “non a conoscenza dei fatti” che hanno portato a un’evasione di 4,1 milioni di euro. La procura ha ritenuto colpevole di quei fatti il padre del calciatore, Jorge Messi. Per l’avvocatura “non si può ignorare” che buona parte dei guadagni dovuti allo sfruttamento della sua immagine arrivavano attraverso aziende che operavano in paradisi fiscali.