Il giallo degli appunti di Berlusconi. La Russa: “Dica che è una fake”

Esplode il caso della foto che ritrae un foglietto con alcuni appunti, riferiti a Giorgia Meloni, che sarebbero stati scritti da Berlusconi.

Esplode il giallo degli appunti tenuti in mano, ieri, nell’Aula del Senato, durante l’elezione del presidente, dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi e mostrati in una foto pubblicata in esclusiva da Repubblica.it.

Il giallo degli appunti di Berlusconi. La Russa: “Dica che è una fake”

Esplode il caso della foto che ritrae un foglietto con alcuni appunti, riferiti alla Meloni, che sarebbero stati scritti da Berlusconi

Nel foglietto, tenuto tra le mani del Cavaliere e impresso nella foto pubblicata da Repubblica, si leggono alcune considerazioni su Giorgia Meloni definita, con quella che sembra la grafia dell’ex premier azzurro, “supponente, prepotente, arrogante e offensiva”.

Il foglietto di appunti di Silvio Berlusconi è stato messo sul banco dal cav, scrive Repubblica.it, dopo che aveva incassato il no a Licia Ronzulli ministra e aver mandato al diavolo Ignazio La Russa.

Nell’appunto non ci sono solo una serie di aggettivi, riferiti alla leader di FdI e premier in pectore, ma c’è anche scritto: “Giorgia non ha disponibilità ai cambiamenti, è una con cui non si può andare d’accordo”.

“Io credo che il presidente Berlusconi dovrebbe dichiarare quello di cui io sono quasi certo, che quella foto è fake, però deve dichiararlo lui non lo posso dire io” ha detto il presidente del Senato, Ignazio La Russa, rispondendo ad alcune domande dei giornalisti mentre lasciava Montecitorio.

“Sono andato a rendere omaggio a Fontana. Non ho sentito le sue parole, perché ero impegnato in una riunione ma saranno state di saggezza” ha detto ancora La Russa. “Con Berlusconi non ci siamo sentiti. Colgo l’occasione per assicurare che non mi ha rivolto nessuna parola ingiuriosa nei miei confronti – ha detto ancora il neo presidente del Senato -, almeno quando ero presente. Non so quando me ne sono andato”.

Leggi anche: Il Pd punta su Zan per la vicepresidenza della Camera. Per i dem il paladino dei diritti della comunità Lgbtq+ è il perfetto anti-Fontana

Pubblicato il - Aggiornato il alle 18:10
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram