Il grande flop delle tribune elettorali della Rai

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

tribunaelettoraleServizio pubblico significa anche mandare in onda in prima serata le tribune elettorali, realizzate da Rai Parlamento. La rete prescelta al martirio degli ascolti è stata Raidue. Cornuta e mazziata, visto che all’1% di share ottenuto nei momenti più gloriosi delle trasmissioni serali, la rete si è dovuta pure sorbire l’invito a cambiare canale fatto al termine della puntata di mercoledì sera dal conduttore Gianni Scipione Rossi, che dopo aver elogiato e ringraziato gli ascoltatori (compresi quelli della radio) per aver preferito Renato Brunetta a Sanremo, li ha invitati a vedere il festival.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA