Il Leone di Trieste sbrana gli Usa. Generali brucia Ibm, Microsoft e Uber e si piazza tra le migliori smartest company internazionali

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Leone di Trieste incassa un premio internazionale bruciando diversi colossi americani. Generali, ieri, è risultata tra le migliori smartest company del mondo, unica società del settore assicurativo a livello globale. Il riconoscimento è venuto dalla Mit Technology Review, che ha inserito il Gruppo tra le 50 smartest company del 2015. Il gruppo assicurativo italiano, primo e unico del Belpaese a essere mai stato inserito nella graduatoria della Mit Technology Review, ha preceduto società come Ibm, Microsoft e Uber, grazie ad una gamma innovativa di soluzioni assicurative basate sui data analytics capaci di migliorare la salute e il benessere dei clienti. L’amministratore delegato, Mario Greco, ha spiegato che “questo prestigioso riconoscimento dimostra la capacità di un’azienda italiana, a forte vocazione internazionale, di innovare e creare sviluppo in un ambito estremamente competitivo come quello tecnologico. Conferma inoltre la vocazione del gruppo Generali verso un nuovo modello di business “simple & smart”, caratterizzato da un intenso uso della tecnologia e da prodotti e servizi basati sulle esigenze e le esperienze del consumatore, volto a fare di Generali il leader dell’assicurazione retail in Europa”.