Il lockdown fa paura. E anche chi può non spende. Oggi la Giornata mondiale del Risparmio. La liquidità bloccata sui conti correnti è pari a 1.682 miliardi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il nuovo possibile lockdown sta accentuando la maggiore propensione al risparmio degli italiani rispetto agli altri cittadini europei. Questa è la tendenza che emerge dai dati sull’Italia riportati da diversi studi pubblicati in vista della Giornata Mondiale del Risparmio di oggi. Come pubblicato in un apposito sondaggio di Bankitalia, il 34% degli intervistati ha dichiarato di aver rinunciato ad una spesa ritenuta non essenziale, mentre il 27% ha affermato di essere più attento nella gestione delle proprie finanze per poter contare su una maggiore sicurezza economica nel lungo periodo. Solo il 26% ha risposto di non aver mutato il proprio atteggiamento dalla comparsa del virus.

Una percentuale notevolmente più bassa se si considerano le altre popolazioni d’Europa. Infatti, i partecipanti al sondaggio che hanno sostenuto di aver mantenuto le stesse abitudini pre-Covid sono il 46% nei Paesi Bassi, il 37% in Germania, il 36% in Francia e il 34% in Belgio. D’altra parte l’ultimo Bollettino economico di Palazzo Koch mostra che le famiglie nel secondo trimestre hanno portato la loro propensione al risparmio al 18,6%, a fronte di una riduzione del reddito del 5,6%, con la conseguenza di un calo dei consumi privati dell’11,4%.

Tutto ciò si è tradotto in una liquidità bloccata sui conti correnti bancari pari 1.682 miliardi di euro, con un incremento di 125 miliardi dall’anno precedente. Sul tema del risparmio è intervenuto il Capo dello Stato. “Il risparmio, tradizionale patrimonio del nostro Paese – la cui tutela è sancita dalla Costituzione – può concorrere alla ripartenza”, ha detto Sergio Mattarella in un messaggio inviato al Presidente dell’Acri, Francesco Profumo (nella foto).