Il M5S ha deciso. Nessuna deroga al tetto dei due mandati

Non ci sarà nessuna deroga al tetto dei due mandati. Conte: "Avanti tutti insieme per continuare a cambiare l'Italia".

Il M5S ha deciso. Non ci sarà nessuna deroga al tetto dei due mandati. La decisione è arrivata questa mattina, come aveva annunciato il leader del M5S Giuseppe Conte.

CONFERENZA STAMPA DI GIUSEPPE CONTE

Due mandati, arriva il No alla deroga al tetto dei due mandati

Non ci sarà nessuna deroga alla regola del tetto dei due mandati. La decisione è stata comunicata questa mattina dal leader del M5S, Giuseppe Conte, ai ‘veterani’ del Movimento. Saltano, dunque, nomi storici del Movimento. Tra questi, Roberto Fico, Paola Taverna, Vito Crimi, Riccardo Fraccaro e Alfonso Bonafede.

Conte: “Avanti tutti insieme per continuare a cambiare l’Italia”

“Alle prossime elezioni politiche non troverete, tra i candidati del M5S, chi ha già svolto due mandati” ha annunciato in serata, con un post su Facebook, lo stesso Conte. “Non cambia, quindi, la regola che il Movimento si è imposto dalla prima ora come forma di garanzia affinché gli eletti possano dedicarsi al bene del Paese, senza lasciarsi distrarre dai propri destini personali”.

“Il mio pensiero è oggi rivolto a tutti coloro che nel corso dei due mandati hanno lottato contro tutto e tutti – ha proseguito Giuseppe Conte – per vincere le battaglie del M5S. Sono partiti dai banchetti nelle loro città per chiedere giustizia sociale, legalità, tutela ambientale. Hanno sopportato sacrifici e subito attacchi e offese di ogni tipo per portare a termine gli impegni assunti con i cittadini: il reddito di cittadinanza, la legge anticorruzione, il decreto dignità, il superbonus che abbatte l’inquinamento e rilancia l’economia, il taglio dei parlamentari e dei privilegi della politica. E tante altre misure”.

“Lasciando il seggio – ha detto ancora il presidente del M5S – non potranno più fregiarsi del titolo formale di ‘onorevoli’. Ma per noi, per la parte sana del Paese, saranno più che ‘onorevoli’. Stanno compiendo una rivoluzione che nessuna forza politica ha mai avuto il coraggio neppure di pensare. Stanno dicendo che per fare politica non serve necessariamente una poltrona. Stanno dicendo che la politica è dappertutto. Ovunque ci siano le urgenze e i bisogni dei cittadini, soprattutto di quelli che non hanno privilegi, che non sono affiliati alle cordate politiche e ai potentati economici”.

“I cittadini onesti, i cittadini invisibili hanno ancora bisogno di noi”

“Il patrimonio di competenze ed esperienze con loro maturate non andrà disperso. Continueranno a portare avanti, insieme a noi, le battaglie del Movimento. Abbiamo bisogno della loro esperienza – ha concluso Giuseppe Conte -, della loro competenza, della loro inguaribile passione. Ora avanti, tutti insieme: ci aspetta una campagna elettorale molto dura. Ci hanno spinto fuori dal Palazzo. E lo hanno fatto con astuzia, tentando pure di attribuircene la colpa. Avanti tutti insieme per continuare a cambiare l’Italia. I cittadini onesti, i cittadini invisibili hanno ancora bisogno di noi”.

Leggi anche: Alleanza Pd-M5S, Conte ribadisce il No: “È un’ammucchiata. Ci sono personalità divisive e litigiose” 

Pubblicato il - Aggiornato il alle 17:07
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram