Il maltempo resiste, l’esercito non molla

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Circa 400 militari dell`Esercito continuano a fronteggiare l`emergenza e a soccorrere le popolazioni colpite dal maltempo in tutta Italia. Sono ormai tre giorni che l`Esercito opera, su richiesta del Prefetto, nel comune di Fiumicino con squadre di specialisti 20 mezzi e 6 pompe idrovore. Circa 130 militari invece stanno operando da 5 giorni nel bellunese con i BV206 – veicoli cingolati speciali nati per operare in climi estremi ed innevati – pale caricatrici gommate, 1 terna ruotata, camion Astra per il ripristino della viabilità e lo sgombero della neve nei comuni dell`Alto Cadore. A Cortina gli Alpieri ( alpini rocciatori ) dell’Esercito sono impegnati nello sgombero dei tetti delle scuole, impegno che riveste la priorità negli interventi mentre gli alpini sono impegnati nello sgombero delle vie pedonali e nel mantenere aperta, con l`impiego di un mezzo, la via d`accesso ai generatori di Pian da Lago.

Continua, inoltre, l`intervento dell`Esercito a favore della popolazione modenese partito il 19 gennaio in seguito allo straripamento del fiume Secchia. I militari, intervenuti sin dalle prime ore dell`emergenza maltempo, sono impegnati nel comune di Bomporto (MO) in attività di pattugliamento per il controllo degli argini del Naviglio.  Anche nelle prossime ore i mezzi speciali dell`Esercito continueranno ad operare lungo tutta la penisola per soccorrere i cittadini in difficoltà e per agevolare il ripristino della viabilità nelle zone colpite dal maltempo.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA