Il Muslim Ban di Trump illegale, meschino e malvagio. Pure l’Onu contro l’editto sui rifugiati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dall’Onu all’Europa, passando per i principali leader mondiali. Contro il Muslim Ban di Donald Trump la levata, è il caso di dirlo, è in tutti i sensi internazionale. Dopo la decisione di bloccare l’arrivo di rifugiati da 7 Paesi (tra cui Siria, Iraq e Iran), stamattina contro la decisione del neo presidente statunitense si è scagliato anche l’Onu che ha definito l’atto “illegale”, “meschino” e “malvagio”. Ma anche uno spreco di risorse nella lotta al terrorismo. È questa infatti la durissima definizione utilizzata dall’Alto commissario dell’Onu per i diritti umani Zeid Ràad Al Husein per definire l’ordine esecutivo (il “Muslim Ban”) con cui Donald Trump ha bloccato ingresso negli Stati Uniti di rifugiati e cittadini di 7 Paesi a maggioranza islamica. Una dichiarazione netta che arriva a tre giorni dalla decisione presidenziale di bloccare le frontiere statunitensi per i cittadini di Iraq, Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen.

“La discriminazione basata sulla nazionalità è proibita dal diritto umanitario“, ha commentato Zeid con un messaggio su Twitter. Sulla questione sono intervenuti anche l’Agenzia Onu per i rifugiati  e l’Organizzazione mondiale per le migrazioni, che hanno chiesto agli Usa di mantenere la loro “lunga tradizione” di protezione di chi fugge dai conflitti.

Ma non basta. Perché contro Trump si è scagliata anche l’Unione  Europea: “Questa è l’Unione europea e noi non discriminiamo sulla base della nazionalità, della razza o della religione, non solo per l’asilo ma per qualsiasi altra nostra politica. La Commissione ed il presidente Juncker hanno costantemente ribadito il nostro attaccamento a questi principi”, ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas. che cita quanto scritto da Jean Claude Junker sul quotidiano tedesco Die Welt. E la risposta non è casuale. Appena ieri il presidente statunitense aveva tirato in ballo direttamente l’Europa per replicare all’ondata di polemiche scatenata dal suo ordine esecutivo.  “Il nostro Paese ha bisogno di confini forti e di controlli rigidi, adesso Guardate a quello che sta succedendo in Europa e, anzi, in tutto il mondo – un caos orribile!”, ha scritto su twitter il neo inquilino della Casa bianca. Un concetto rilanciato sempre sui social network con un altro tweet: “Se bando fosse stato annunciato con una settimana di preavviso i cattivi si sarebbero precipitati nel nostro Paese nel corso di quella settimana. Ci sono parecchi cattivi ragazzi la fuori”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA