Il Parlamento europeo approva un emendamento della Lega per l’immediata estradizione dell’ex Br Casimirri. Partecipò al sequestro Moro e da anni vive in Nicaragua

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Parlamento europeo ha approvato l’emendamento della Lega riguardante l’estradizione dell’ex Br Alessio Casimirri, da anni rifugiatosi in Nicaragua. L’emendamento è passato con 219 sì, 108 contrari e 33 astensioni. La risoluzione non è vincolante, spetta dunque alle autorità nazionali decidere come muoversi.

L’emendamento della Lega chiede “l’immediata estradizione in Italia di Alessio Casimirri, che oggi vive a Managua protetto dal governo nicaraguense, condannato in Italia in via definitiva a sei ergastoli per il sequestro di Aldo Moro, ex presidente della Democrazia Cristiana nonché Presidente del Consiglio dei Ministri e del Consiglio europeo, e per l’assassinio degli agenti della scorta, fatto accaduto il 16 marzo 1978 a Roma”.

Casimirri, nome di battaglia “Camillo”, è uno dei nove membri del commando delle Brigate Rosse che il 16 marzo 1978, in via Fani a Roma, partecipò al sequestro del presidente della Dc Aldo Moro e all’annientamento degli uomini della sua scorta. Casimirri (nella foto), oggi pescatore con tanto di profilo Facebook, nel 1980 si dissociò dalle Br e due anni dopo fuggì prima in Francia, poi a Cuba, Panama e infine in Nicaragua dove tuttora vive con moglie i figli. Il suo nome è inserito nell’elenco dei latitanti politici, recentemente aggiornato dal Viminale, di cui l’Italia intende ottenere l’estradizione.

“Il Parlamento europeo – ha commentato il ministro dell’Interno Matteo Salvini – ha approvato la proposta della Lega per estradare in Italia il terrorista rosso Casimirri che da troppi anni fa la bella vita in Nicaragua. L’obiettivo ora è più vicino. Questi delinquenti devono pagare per i loro crimini nelle patrie galere, fino alla fine dei loro giorni”.