Il Pd salva Sozzani. La Camera nega l’autorizzazione all’arresto e all’uso delle intercettazioni del deputato di Forza Italia indagato a Milano per finanziamento illecito dei partiti e corruzione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Aula della Camera ha negato l’autorizzazione all’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del deputato di Forza Italia, Diego Sozzani. I voti a favore sono stati 235, 309 i contrari, un astenuto. L’esponente azzurro è indagato, con l’accusa di illecito finanziamento dei partiti e corruzione, nell’ambito di un’inchiesta della Dda milanese sulla cosiddetta “Mensa dei Poveri”. L’Aula ha negato, inoltre, anche l’uso delle intercettazioni di Sozzani, che era stata chiesta nell’ambito della stessa inchiesta e già respinta anche dalla Giunta per le Autorizzazioni. L’autorizzazione, in questo caso, è stata negata con 352 sì, 187 no e due astenuti. Solo i deputati M5S hanno votato per la concessione dell’autorizzazione.