Il pescivendolo da 900 euro al mese girava in Ferrari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Alla fine, forse perché come ha detto ai finanzieri mantenerla costava troppo, ha deciso di venderla. Ma sulla decisione del commerciante di prodotti ittici “pizzicato” a Forlì, deve aver pesato anche la verifica delle Fiamme Gialle. Una Ferrari in garage era una presenza decisamente ingombrante nella “spinosa” relazione con il fisco, cui aveva dichiarato redditi non proprio da nababbo: 10 mila euro all’anno, sì e no 900 euro al mese. E, va detto, una rossa col Cavallino Rampante sul cofano parcheggiata sotto casa insieme a un Suv Mercedes, proprio stonava. La compagnia di Forlì della Guardia di Finanza ha nel frattempo chiuso la verifica iniziata a marzo nei confronti del commerciante, che ha due punti vendita nella Valle del Bidente. I finanzieri oggi gli contestano un’evasione da 210 mila euro, tra Iva e imposte dirette. A farlo finire nel mirino è stata una serie di incongruenze tra redditi, tenore di vita e beni posseduti, oltre ad alcuni comportamenti non proprio da contribuente modello. L’uomo infatti dichiarava redditi annuali per circa 10 mila euro, ma era intestatario della Ferrari, una 360 Modena del 2005 del valore stimato di 90 mila euro, oltre che della Mercedes ML320. Ma l’imprenditore era da un po’ di tempo nel mirino anche per altro: più di una volta infatti aveva “dimenticato” di fare lo scontrino, incappando nella relativa multa. Nel corso della verifica le Fiamme Gialle hanno ricostruito le attività del magazzino merci e l’applicazione della percentuale di ricarico. Ma hanno anche fatto una serie di controlli incrociati tra fornitori e clienti. Intersecando tutti i dati quindi la Gdf è riuscita a contestare al commerciante per tre anni (2011, 2012 e 2013) un’evasione di 198 mila euro di imposte dirette e 12 mila di Iva. Non gli sono poi stati riconosciuti 2 mila euro di costi portati indebitamente in dichiarazione, fruendo delle relative detrazioni. Ma il commerciante deve aver pensato che ad attirare l’attenzione degli investigatori più che i redditi fosse stata la Ferrari. Infatti quando i finanzieri sono entrati nel garage, ha subito spiegato loro che la utilizzava “molto raramente” visti gli elevati costi di gestione. E forse proprio per lo stesso motivo pochi giorni prima della chiusura della verifica ha deciso di liberarsene, e ha comunicato di aver deciso di venderla.