Il Punto di Mauro Masi. Tra Google e l’Unione europea si rischia un durissimo scontro: ecco perché

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Secondo voci ricorrenti da Bruxelles (voci peraltro autorevolmente riportate anche dal New York Times di lunedì 19 giugno) la Commissione UE starebbe per comminare  una multa record a Google oltre ad imporre una serie di vincoli all’operatività di Big G per rendere più efficace la concorrenza almeno nei 28 Paesi dell’Unione. La super multa scaturirebbe dall’esito di tre inchieste aperte contro il gigante californiano: la prima proprio per ostacoli alla concorrenza, la seconda sul funzionamento di Android – il notissimo software della compagnia per il mobile – e una terza per alcuni prodotti pubblicitari di Big G. Sembra che Google non sia troppo preoccupata dalla multa,  per quanto grande possa essere, bensì  avrebbe timori per i vincoli alla propria  operatività. E su questo si prepara a dar battaglia a tutti i livelli fino alla Corte Europea di Giustizia. La posizione di Big G è sempre quella: l’attuale “posizione dominante” (ammesso che esista)  non è frutto di accordi monoplastici o di un illecito cannibalismo di mercato ma è il risultato di un prodotto nettamente superiore a tutti gli altri. Vedremo cosa accadrà; se nascerà davvero  una guerra tra Big G e la UE e se soprattutto tutto ciò avrà un qualche riflesso sui consumatori in termini di costi e/o di qualità dei servizi.

Nelle otto nazioni più ricche del mondo, quelle con il Pil più alto, 1,75 miliardi di persone non sono connesse, e di queste 1 su 3 vive in grandi centri urbani. Il dato emerge da uno studio della Wireless Broadband Alliance (Wba) per la seconda giornata mondiale del Wi-fi, proclamata dalla stessa Wba, per lo scorso 20 giugno.

Gli otto Paesi sono Usa (78,4 milioni non connessi, il 24% della popolazione), Regno Unito (8,4 milioni, 13%), Germania (10,7 milioni, 13%), Russia (39,3 milioni 27%), Giappone (20,2 milioni, 16%), India (853 milioni, 68%), Cina (649 milioni, 47%) e Brasile (90,6 milioni, 43%). Tra le grandi città, Delhi e San Paolo sono quelle con il maggior numero di cittadini non connessi, pari rispettivamente a 5,3 milioni (29%) e a 4,3 milioni (36%). Sul fronte opposto, a Londra solo il 7% non è connesso (625 mila persone), a New York il 19% (1,6 milioni) e a Mosca il 17% (2,1 milioni).

La considerazione che si può trarre da questi dati e che la mancanza di connessione con la Rete non è – come troppo spesso viene detto – un problema che riguarda esclusivamente le aree rurali e i Paesi in via di sviluppo ma è, al contrario, un tema che riguarda, eccome, anche i Paesi maggiormente industrializzati.