Il re delle coop finisce ancora nei guai. Sequestro da 18 milioni a Natale Sartori, il capo di Alma Group legato a Dell’Utri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Natale Sartori finisce ancora nei guai. Al titolare di Alma Group, finito in carcere nel 2014 con l’accusa di evasione fiscale per 31 milioni di euro ed emissione di false fatture per 91 milioni, sono stati sequestrati 18 milioni di euro. Sartori, in quell’anno fu arrestato con l’accusa di essere capofila di una serie di operazioni illecite che coinvolgevano il Consorzio Alma Group, di cui era a capo l’imprenditore messinese. Sartori, passato poi agli arresti domiciliari, risulta legato alla famiglia Mangano, quella dello “stalliere” di Arcore, e a Marcello Dell’Utri. Il suo nome è già comparso in inchieste sulla criminalità organizzata. I sequestri di oggi rientrano in una attività di misure di prevenzione.