Il Senato archivia i decreti sicurezza di Salvini. Via libera definitivo al Dl immigrazione. Lamorgese: “Voto conferma solidità ed equilibrio del testo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Aula del Senato ha approvato con 153 sì, 2 no e 4 astenuti la fiducia chiesta dal Governo sul decreto legge sicurezza, nello stesso testo che ha avuto il disco verde della Camera. Con il sì alla fiducia, l’Assemblea ha dato il via libera al Dl che riforma i decreti Salvini. I senatori di FI, Lega e FdI non hanno partecipato al voto. “Il voto definitivo del Senato sulla conversione in legge del decreto Immigrazione – ha commentato il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese – conferma la solidità e l’equilibrio dell’impianto del testo concordato al Viminale dalle forze di maggioranza la scorsa estate”.

“A quel tavolo – continua l’esponente dell’esecutivo in una nota -, intorno al quale si sono riuniti per alcune settimane di proficuo lavoro i rappresentanti dei partiti della coalizione di governo con il ministro dell’Interno, sono state gettate le basi dell’accordo politico tramutato, poi, nel testo del decreto legge curato e perfezionato dall’ufficio legislativo del Viminale che è stato approvato dal Consiglio dei ministri e, infine, sostanzialmente confermato nel corso del passaggio in Parlamento”.

Per Lamorgese, “la nuova legge sull’immigrazione ha accolto le indicazioni sui precedenti decreti formulate a suo tempo dalla presidenza della Repubblica e ha tenuto conto delle recenti sentenze della Corte costituzionale. Il provvedimento rimodula i delicati meccanismi dell’accoglienza e dell’integrazione, coniugando le garanzie per i richiedenti asilo e gli immigrati anche con un maggiore rigore contro i reati di devastazione nei centri di permanenza per i rimpatri. Il tutto con un’attenzione doverosa rivolta al rispetto degli obblighi internazionali assunti dal nostro Paese”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA