Il Senato ha respinto le mozioni che chiedevano lo stop all’acquisto dei bombardieri F-35

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Senato ha bocciato le mozioni delle opposizioni che chiedevano al Governo di bloccare il programma F35 mentre ha approvato quella della maggioranza, che lo impegna “a dare impulso, a partire dal Consiglio europeo di dicembre, a concrete iniziative per la crescita della dimensione di difesa comune europea in una prospettiva di condivisa razionalizzazione della spesa” e a “garantire al Parlamento di esercitare le proprie prerogative” e “non procedere a nessuna fase di ulteriore acquisizione senza che il Parlamento si sia espresso nel merito”.

Il testo è passato con 202 sì, 55 no e 15 astenuti. Contrari Movimento 5 Stelle e Sel, favorevole Pd, Pdl e Scelta civica. Astenuta la Lega, che ha ritirato l’appoggio al testo che aveva inizialmente annunciato. “Non siamo di fronte – ha detto Nicola Latorre (Pd) – a una scelta tra la pace e la guerra. Il Pd non ha ammainato e non intende ammainare la bandiera della pace. Non si possono contrapporre la necessità delle spese del sistema di difesa a quella del welfare”. “Una grande forza riformista – ha aggiunto Latorre – non può sottrarsi alla sfida” di garantire all’Italia un sistema di difesa adeguato al suo ruolo internazionale e per questo, ha annunciato, “convintamente voteremo questa mozione”. Il 22 gennaio, l’allora segretario Pd Pier Luigi Bersani, in piena campagna elettorale, disse al Tg2: “Nell’ambito delle spese militari bisogna assolutamente rivedere il nostro impegno per gli F35. La nostra priorità non sono i caccia, la nostra priorità è il lavoro”.

Sulla questione ha espresso il proprio dissenso Felice Casson, che ha raccolto, con una propria mozione di segno apposto, l’appoggio di 17 colleghi di partito. Tra loro Laura Puppato e Corrado Mineo.

“Non ci sono alternative credibili all’F35, che soddisfa sia le esigenze dell’aeronautica sia della marina”, ha detto in aula il ministro della Difesa Mario Mauro. “Abbiamo il dovere – ha aggiunto – di andare avanti con coerenza con le nostre scelte e sostenere la nostra industria a livello tecnologico, il tutto con la giusta attenzione ai costi”.