Il Senato salva l’azzurro De Siano dall’arresto con i voti del Pd. È nei guai per un’inchiesta sui rifiuti. Solo Cinque Stelle e Lega hanno votato a favore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Palazzo Madama salva il senatore Domenico De Siano di Forza Italia. Grazie anche ai voti del Partito democratico. Respinta dalla Giunta delle elezioni e e delle immunità parlamentari la richiesta di arresto per il parlamentare azzurro indagato a Napoli nell’ambito di un’inchiesta su un presunto giro di tangenti per appalti nel settore dei rifiuti. La richiesta arrivata dal Gip di Napoli è stata rimandata al mittente. Tutti d’accordo nel salvare De Siano, tranne il Movimento 5 Stelle che con i suoi tre componenti della Giunta ha votato a favore dell’arresto insieme alla Lega. E i pentastallati ora attaccano tutti gli altri componenti: “Si tratta di una decisione immotivata”, ha affermato Mario Michele Giarrusso, capogruppo in Giunta del Movimento 5 Stelle, “poiché non risulta nessun tipo di intento persecutorio della Procura di Napoli nei confronti del senatore De Siano, a meno che il Pd e Ncd non vogliano considerate persecutorio la persecuzione dei reati da parte della procura. La discussione è stata breve in quanto nessuno ha evidenziato quali sarebbero gli elementi persecutori. Constatiamo come finalmente la senatrice Fucsia, espulsa dal Movimento e membro della Giunta, abbia potuto votare contro le richieste della magistratura”.