Il superlatitante col pallino del pallone

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Calcio, ma anche altri sport: Antonio Lo Russo, arrestato ieri a Nizza dopo quattro anni di latitanza, aveva fatto scalpore per le sue foto a bordo campo allo stadio San Paolo. Ma non disdegnava nemmeno il ciclismo, visto che rispetto a quelle immagini era dimagrito di 25 chili andando in bicicletta. I dettagli della sua cattura sono stati forniti oggi nel corso di una conferenza stampa in procura alla quale hanno partecipato i vertici della magistratura e dei carabinieri. Lo Russo, condannato a 20 anni di reclusione per associazione camorristica e traffico di droga, era stato individuato nella città francese alcune settimane fa ed è stato pedinato dagli uomini della locale Gendarmeria. Alle 19 di ieri il blitz, quando la vettura della quale Antonio Lo Russo era a bordo assieme al cugino Carlo si è fermata davanti al numero 105 della promenade des Anglais. Il giovane ha subito chiesto ai poliziotti francesi se qualcuno di loro parlasse italiano, per rassicurarli che era disarmato. Per fare in modo che si arrivasse alla cattura del latitante senza incidenti e senza rischiare di perderne nuovamente le tracce, alla Gendarmeria di Nizza sono stati inviati rinforzi da Marsiglia.