Il telefonino diventa orologio. L’Apple non vedeva l’ora. Il nuovo gioiello costerà da 349 a mille dollari. Ma per funzionare avrà bisogno di un iPhone

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’ora della rivoluzione squilla al telefono. Dopo decine di annunci, da ieri è pronto per i nostri polsi l’attesissimo Apple Watch, il telefonino travestito da orologio. Sul nuovo gadget, che annuncia di replicare il fenomeno mondiale dei cellulari made in Cupertino, erano girate tante indiscrezioni. Ma vedere il prodotto finale è stato entusiasmante e il numero uno del gruppo, Tim Cook, ha potuto parlare tranquillamente di “piccolo gioiello”. Forse meno brillante dei risultati economici della società che fu guidata con straordinario carisma da Steve Jobs, ma l’Apple Watch promette di incrementare ancora quei guadagni stellari. E l’idea, per nulla originale, di combinare insieme un telefonino e un orologio, dopo essere fallita a tanti altri adesso annuncia un nuovo successo commerciale. Merito della capacità senza pari nel marketing che la Apple ha sempre avuto, ma ancora di più del livello di fascinazione che gli oggetti con la mela hanno su un pubblico trasversale e internazionale. Oggetti comuni e persino superflui che però riescono a creare un bisogno. La leva giusta per vendere all’infinito, fino a trasformare la compagnia hi-tech nella prima azienda per capitalizzazione dell’intera Borsa di Wall Street, con oltre 710 miliardi di dollari. Per capirci: più del Pil di molti Paesi del pianeta.

LE CARATTERISTICHE
L’Apple Watch è dunque un orologio particolarissimo, che permette du telefonare ma non prevede la presenza di una sim card. Il collegamento avviene infatti attraverso la connessione con un altro iPhone che deve trovarsi nelle vicinanze. Il collegamento è virtuale, attraverso Bluetooth o WI Fi. Con un quadrante completamente personalizzabile, l’orologio-telefono è estremamente accurato nelle funzioni di misurazione del tempo, capace di cambiare fuso da solo o inserire l’ora legale. Molti orologi in uno, ai quali ognuno può aggiungere i dettagli che vuole. Grazie alla sincronizzazione con lo smartphone, diventa però possibile telefonare, inviare e-mail e messaggi. Lo schermo touch permette inoltre di fare piccoli disegni a mano libera che possono essere inviati a un altro Watch. O trasmettere il proprio battito cardiaco al medico e usarlo per svolgere attività fisica, misurare le calorie bruciate o diventare un vero personal trainer. E non finisce qui. Con l’applicazione Apple Pay permetterà di pagare nei negozi senza usare la carta di credito, con il Passbook consentirà di avere le carte d’imbarco aereoportuali, ospiterà notizie, foto, Instagram, Twitter e molte altre app già disponiobili oggi e altre che arriveranno.

I PREZZI
Con ha una batteria che dura 18 ore, per Cook Apple Watch non si limita dunque a misurare il tempo, ma capisce come il tempo viene usato. E il tempo prima di tutto è denaro. Quanto costa dunque questo gioiello? Disponibile in due taglie: con cassa da 38 mm e da 42 mm, i prezzi partono da 349 dollari ma possono superare i mille.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA