Il testo della Manovra approda oggi in Senato. Ancora perplessità su plastic tax e stretta alle auto aziendali. Gualtieri: “Si può migliorare. Ma la maggioranza si concentri a difenderla”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Manovra approda oggi in Senato. Il testo della legge di bilancio 2020 inizierà il suo iter prima con le discussioni generali nelle relative Commissioni e con l’audizione, prevista per domani, del ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. Mentre alla Camera avranno inizio, sempre da domani, le audizioni sul decreto fiscale. Nel frattempo non sono escluse ulteriori riunioni di maggioranza per limare alcune misure, soprattutto dopo le perplessità espresse, anche all’interno della maggioranza giallorossa, sulla stretta alle auto aziendali e sulla cosiddetta plastic tax. Continua, infatti, lo scontro tra Matteo Renzi e gli altri partiti della maggioranza, che lo accusano di fare opposizione.

Il leader M5S, Luigi Di Maio, difende la “svolta ecologista” della plastic tax e rilancia sulle chiusure domenicali dei negozi. Il premier Giuseppe Conte stasera vedrà i sindacati. “E’ sorprendente – ha detto Gualtieri in un’intervista al Tg3 – che si approvi una manovra e poi la si critichi, questo non significa che non si possa migliorala. L’opposizione non ha argomenti e sarebbe bene che la maggioranza si concentrasse a difendere questa manovra e naturalmente a lavorare insieme anche per migliorarla ulteriormente. Mi sorprende – ha aggiunto il ministro dell’Economia – una maggioranza che sembra fare propaganda contro la propria legge di bilancio. Anche perché, come è noto, era il frutto di un lavoro collegiale ampiamente condiviso”.

“Dovremmo evitare di fare opposizione al posto di Salvini” ha aggiunto il ministro Gualtieri in un’intervista a La Stampa ribadendo la disponibilità a riflettere su modifiche alla plastic tax e alla misura sulle auto aziendali e ricordando che il testo è frutto di “un lavoro collegiale ampiamente condiviso”. “In una discussione che tende a concentrarsi sui dettagli – ha detto ancora – vorrei che non fosse smarrito il quadro di insieme: siamo riusciti a fare quello che tutti fino a poco fa ritenevano impossibile: evitare 23 miliardi di aumento automatico dell’Iva con una manovra che non è di lacrime e sangue, ma che al contrario sostiene il lavoro, gli investimenti e il Welfare. Riduce le tasse per quasi 27 miliardi, mentre alcuni pare facciano del loro meglio per convincere gli italiani che le aumentiamo. Dovremmo evitare di fare opposizione al posto di Salvini”.

“Stop furbizie, ipocrisie, sgambetti, litigi, piccolezze” il richiamo del segretario del Pd, Nicola Zingaretti, che chiede alla maggioranza di fare “gioco di squadra” perché “per noi governare non è un privilegio, è responsabilità”. “Su questo bisogna essere chiari – ha aggiunto il leader Dem -: solo condividendo questo spirito è utile andare avanti”. Minaccia, invece, una dura opposizione in Parlamento il leader della Lega, Matteo Salvini: “Questa settimana comincia la discussione sulla Manovra, daremo battaglia per cancellare più tasse, micro tasse, mega tasse e più cazzate possibili, se necessario li terremo giorno e notte chiusi in Parlamento”.

“Per anni – affermano i deputati e le deputate il M5S – la vecchia politica ha riempito i cittadini di parole sulla salvaguardia dell’ambiente, quando poi appoggiava trivelle e inceneritori. Noi del MoVimento 5 Stelle invece ci abbiamo messo la faccia, e per la prima volta in Italia ora si può parlare di Green New Deal. Con la Plastic Tax – aggiungono – lanciamo un segnale forte e chiaro a tutto il Paese per invertire la rotta contro la cattiva educazione ambientale che per anni ha danneggiato fortemente noi e l’ambiente che ci circonda. Ma soprattutto, come ha già ribadito Luigi di Maio, è il modo per introdurre nuovi meccanismi per rimettere la nostra economia su un binario più sostenibile e continuare a crescere e creare occupazione”.

“Binario – aggiungono dal Movimento – che vogliamo percorrere insieme alle imprese del nostro Paese. Le soluzioni alternative alla plastica esistono in moltissimi campi anche a parità di costo. Siamo stanchi di trovare prodotti in imballaggi misti che lo stesso produttore consiglia sulla confezione di buttare nell’indifferenziato. La politica deve dare indirizzi di cambiamento. Chi si oppone a tutto questo fa propaganda a discapito della collettività, della salute delle persone e di un’economia che porti benessere diffuso per tutti. Per il MoVimento 5 Stelle pensare al futuro delle nuove generazioni è un dovere”.