Il Tribunale di Mosca ha condannato Navalny a 3 anni e 5 mesi. Il principale oppositore di Putin dovrà scontare in carcere un residuo di pena

Alexei Navalny
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il tribunale distrettuale Simonovsky, riunitosi per l’occasione presso la sede del tribunale di Mosca, ha sostituito la condanna ai domiciliari e poi alla libertà vigilata per Alexei Navalny con una vera e propria condanna a 3 anni e 5 mesi di prigione. Navalny in realtà dovrà scontare un residuo di 2 anni e 5 mesi, avendo già trascorso un anno in detenzione. Il tribunale ha così accolto le richieste del Servizio penitenziario russo e della procura generale. Il principale oppositore di Vladimir Putin è stato ritenuto colpevole di aver violato i termini della libertà condizionale, nei cinque mesi che ha trascorso ricoverato in Germania per curarsi, dopo il suo avvelenamento avvenuto in Siberia, lo scorso agosto (leggi l’articolo).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA