Il vero Revenenat ha solo 7 anni ed è giapponese. Yamato Tanooka, l’incredibile storia del bambino ritrovato vivo dopo sette giorni nel bosco. Per punizione

dalla Redazione
Mondo

Una punizione che non dimenticherà di sicuro. Dopo sei giorni dalla sua scomparsa, è stato ritrovato Yamato Tanooka, il bambino giapponese di sette anni abbandonato dai genitori in una foresta nel nord del Paese. Il bambino è in condizioni relativamente buone ed è stato trovato in una baracca per esercitazioni dell’esercito, a 7 km da dove era scomparso. La sua avventura era cominciata sabato scorso quando i genitori inizialmente avevano dato l’allarme dicendo che si era perso mentre raccoglievano verdure selvatiche. In seguito avevano ammesso di averlo punito perché aveva lanciato pietre ad auto e persone. Ma quando erano tornati a prenderlo, non lo avevano più trovato. Una punizione al quanto eccessiva visto che il piccolo è stato per giorni senza acqua e cibo, solo in una foresta popolata di orsi e in questi giorni era stata investita da forti piogge, con temperature scese fino a 7 gradi. Il padre, dopo il ritrovamento, ha chiesto pubblicamente scusa alla stampa davanti all’ospedale dove il figlio è stato ricoverato per controlli – “Mi scuso profondamente con le persone della sua scuola, con le persone delle operazioni di ricerca, e con tutti quanti per aver creato problemi”. Il padre ha ringraziato le squadre di ricerca e ha detto di aver allevato suo figlio “pieno d’amore fino ad oggi, e continuerò a fare così”. Ma ora secondo la polizia i genitori potrebbero essere indagati per negligenza.