Il Viminale “libera” i bambini. I minori potranno passeggiare insieme a un genitore purché rimangano nei pressi delle abitazioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“C’e’ una buona notizia, nonostante i tempi difficili. Con l’ultima circolare del Viminale abbiamo accolto l’appello al diritto alla passeggiata per i bambini: a ciascun genitore sarà consentito camminare con i propri figli di minore età in prossimità della propria abitazione”. E’ quanto ha annunciato, su Twitter, il viceministro dell’Interno Vito Crimi. “Per quanto riguarda gli spostamenti di persone fisiche – spiega il Viminale nella circolare inviata ai prefetti -, è da intendersi consentito, ad un solo genitore, camminare con i propri figli minori in quanto tale attività può essere ricondotta alle attività motorie all’aperto, purché in prossimità della propria abitazione. La stessa attività può essere svolta, inoltre, nell’ambito di spostamenti motivati da situazioni di necessità o per motivi di salute”. “Già adesso – spiega la Garante per l’infanzia e l’adolescenza, Filomena Albano -, dando un’interpretazione sistematica alle norme vigenti, deve ritenersi possibile per un genitore accompagnare fuori casa i figli in prossimità dell’abitazione. Ho pero’ chiesto al Governo di valutare l’opportunità di chiarire, nei prossimi provvedimenti, ogni dubbio interpretativo, per garantire l’adozione da parte di tutti delle cautele necessarie affinché l’uscita dei minorenni possa avvenire nella misura strettamente necessaria e senza pericoli per la salute individuale e collettiva”.