Il volo blu della Pinotti atterra in Procura

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Valerio Rossi

Se per il Movimento 5 Stelle il presunto “volo blu” di cui avrebbe usufruito il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, è una questione soprattutto politica, per l’Aeronautica è una questione di onorabilità e rispetto del corpo. Così mentre i pentastellati hanno presentato un doppio esposto, uno in Procura e uno alla Corte dei conti, accusando il ministro di aver utilizzato un aereo di Stato per tornare a casa, l’Aeronautica militare risponde con una querela sentendosi denigrata dai 5 Stelle. Stiamo parlando del volo dello scorso 5 settembre di un velivolo del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare, con a bordo anche il ministro della Difesa. “Non si trattava di un volo di Stato”, ha sottolineato l’Aeronautica, “ma di volo addestrativo dove è prevista la possibilità del trasporto di passeggeri autorizzati”.

I MOTIVI DELL’ESPOSTO
Ciò che non torna ai 5 Stelle è la coincidenza, strana se volete, che “un volo partito 10 minuti dopo l’arrivo della Pinotti a Ciampino (veniva da Cardiff) fosse diretto, caso ancor più strano, a Sestri, cioè a casa sua”. E su questo ha spiegato il grillino Alessandro Di Battista è stato chiesto alla magistratura di far luce. Gli accertamenti dei 5 Stelle puntano a far emergere se vi siano profili per ipotizzare peculato o abuso d’ufficio. Senza risposta finora le interrogazioni parlamentari sul tema. E sulla questione il ministro Pinotti, data tra i papabili anche per il dopo Giorgio Napolitano al Quirinale, ha preferito il silenzio. Il costo di un volo Falcon, come quello finito nel mirino dei 5 Stelle, costa allo Stato italiano sui 3600 euro all’ora. Se tutto, invece, fosse stato regolare ben venga il risparmio sui voli.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA