Immigrati, il Mediterraneo ne ha mangiati altri 800

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Ancora una tragedia nel Mediterraneo. Un barcone con almeno 250 persone è affondato a poche miglia dalle coste libiche. Lo ha annunciato il portavoce della Marina di Tripoli, Ayub Qassem, aggiungendo che l’imbarcazione è affondata nelle vicinanze di Tajoura, ad est della capitale: “Ci sono cosi tanti cadaveri che galleggiano in mare”, ha detto.

Delle 250 persone a bordo solo 26 sono state tratte in salvo.”Ci sono così tanti morti che galleggiano sul mare”, ha spiegato Qassem, aggiungendo che la guardia costiera libica ha pochi mezzi per intervenire. La maggior parte dei migranti erano africani, secondo il portavoce della Marina. La guardia costiera libica può contare solo su pescherecci e imbarcazioni che noleggia dal Ministero del Petrolio. Sono almeno altri 500 i migranti dispersi, secondo la testimonianza di due profughi palestinesi, salvati da una nave container italiana. Ma sono complessivamente 800 le persone morte o disperse negli ultimi cinque giorni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA