Immuni è in funzione. Al via da oggi la sperimentazione in Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia. L’App per il contact tracing ha già superato i 2 milioni di download

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Al via da oggi, in quattro regioni, la sperimentazione di Immuni. L’applicazione per il monitoraggio dei contatti è entrata in funzione in Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia sugli smartphone dei cittadini che hanno scelto volontariamente di installarla. Ad averla già scarica, ha detto questa mattina a Uno Mattina il ministro dell’Innovazone, Paola Pisano, sono già oltre 2 milioni di persone.

“L’app Immuni – ha detto la ministra a proposito dell’avvio della sperimentazione – è stata accolta bene dai cittadini, che ne hanno apprezzato la semplicità. Si scarica su base volontaria e gratuita e oggi inizia la sperimentazione in quattro regioni. Gradualmente entreranno le altre regioni. L’App Immuni funziona su scala nazionale è già attiva in tutto il territorio. Serve a notificare i cittadini che sono stati esposti al rischio coronavirus. Sull’App Immuni mi auguro che ci sia una convergenza tra maggioranza e opposizione quanto prima. L’applicazione è stata sviluppata nel massimo rispetto della privacy e tutela l’anonimato. Maggiore è il numero di persone che la scaricano, maggiore è la possibilità di funzionamento”.

Tutte le informazioni utili sul funzionamento del sistema sono disponibili sul sito immuni.italia.i​t.​ Immuni serve agli utenti di telefoni cellulari iOs e Android per ricevere notifica di eventuali esposizioni al virus Covid-19. Nell’intero sistema dell’app non sono presenti né saranno registrati nominativi e altri elementi che possano ricondurre all’identità della persona positiva o di chi abbia avuto contatti con lei, bensì codici alfanumerici. L’impiego dell’applicazione, volontario, ha lo scopo di aumentare la sicurezza nella fase di ripresa delle attività.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA