In Italia un positivo alla variante inglese del Coronavirus. Individuato al rientro dalla Gran Bretagna. Di Maio: “Può aumentare l’Rt dello 0,5%”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La nuova variante di Coronavirus, scoperta in Gran Bretagna, è stata individuata anche in Italia, oltre che in Danimarca, Australia e Olanda. “Il Dipartimento Scientifico del Policlinico Militare del Celio – fa sapere una nota diffusa in serata dal ministero della Salute -, che in questa emergenza sta collaborando con l’Istituto Superiore di Sanità, ha sequenziato il genoma del virus SARS-CoV-2 proveniente da un soggetto risultato positivo con la variante riscontrata nelle ultime settimane in Gran Bretagna. Il paziente, e il suo convivente rientrato negli ultimi giorni dal Regno Unito con un volo atterrato presso l’aeroporto di Fiumicino, sono in isolamento e hanno seguito, insieme agli altri familiari e ai contatti stretti, tutte le procedure stabilite dal Ministero della Salute”.

Il ministro della Sanità britannico, Matt Hancock, ha riferito, parlando a Sky News, che la nuova variante individuata nel Regno Unito è “fuori controllo”. “Abbiamo agito con decisione e molto rapidamente. Purtroppo – ha aggiunto – la nuova variante è fuori controllo. Dobbiamo metterla sotto controllo”. Gli esperti dell’Unione europea ritengono, tuttavia, che i vaccini esistenti contro il Coronavirus siano efficaci contro il nuovo ceppo. “Anche se ci sono mutazioni come quelle segnalate prima in Gb poi in altre aeree – ha detto a Che tempo che fa il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli – è altamente improbabile che si perde l’efficacia del vaccino. Davvero la risposta per uscire da questa situazione è il vaccino sia per il profilo di sicurezza che per l’efficacia”.

“Stamattina – ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, a Che tempo che fa – ho sentito Speranza e insieme abbiamo deciso di chiudere i voli dalla Gran Bretagna perché questa variante del virus, lo dico senza creare allarmismo, accelera la capacità di contagio, è capace di aumentare l’indice Rt dello 0,5%. Quindi abbiamo chiuso i voli. Lo abbiamo fatto ascoltando gli scienziati. Serve la massima precauzione”.

“La presidenza tedesca dell’Unione Europea – ha twittato il portavoce Sebastian Fischer – ha invitato domani alle 11 i rappresentanti dei Paesi membri ad una riunione d’emergenza del meccanismo di risposta alla crisi (Ipcr). In agenda: coordinamento della risposta alla nuova variante del coronavirus nel Regno Unito”.