In manette il finanziere Proto. Ha sottratto 130 mila euro a una donna malata di cancro promettendogli che l’avrebbe aiutata a guarire. Il denaro investito in giochi online

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il finanziere Alessandro Proto è stato arrestato dalla Guardia di Finanza di Como, questa mattina, con l’accusa di truffa pluriaggravata ai danni di una donna malata di cancro e con gravi problemi psichici alla quale avrebbe sottratto, a più riprese, circa 130mila euro. Il manager, già finito nei guai in passato, avrebbe investito il denaro sottratto alla donna su siti di gioco online e per questo dovrà rispondere anche di autoriciclaggio.

La vicenda che ha portato all’arresto del finanziere, il 30 aprile scorso, era stata raccontata nel corso di una puntata de Le Iene. Anna, questo il nome della donna truffata, malata di cancro, aveva raccontato: “Con bugie su figli morti e in clinica mi ha spillato 130 mila euro”. La donna aveva raccontato di aver incontrato Proto sui social: aveva finto di avere una figlia morta a cui non riusciva a pagare le spese del funerale e un figlio in clinica psichiatrica. “Sono caduta in un baratro fatto prima di pressanti richieste di denaro e poi di minacce legali a me e ai miei cari”.

Proto, secondo quanto ha ricostruito la Finanza, “non ha esitato a prospettare” alla vittima “particolari conoscenze di medici svizzeri che avrebbero potuto curarla “con trattamenti innovativi e non ancora disponibili in Italia”. Il 44enne, fermato in Svizzera, si trova ora nel carcere di Como.