Russia, continua la guerra sugli hamburger

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Mentre sul fronte sembra la situazione possa essere ad una svolta continua la guerra degli embarghi e delle sanzioni. In questo contesto divampa la polemica legata ai McDonald’s. Con la catena americana che ha annunciato di voler fare ricorso per la chiusura di tre suoi ristoranti a Mosca decisa da un tribunale per violazione delle norme sanitarie. “Non siamo d’accordo con la corte di Mosca e faremo appello seguendo le procedure stabilite”, ha detto un portavoce di McDonald’s in Russia. Era giunta nella giornata di ieri la decisione di un tribunale della capitale della Russia che aveva ordinato una chiusura temporanea, per 90 giorni, di tre punti ristoranti. La tesi dei media americani è che la decisione di Mosca sarebbe legata allo scontro in Ucraina e, secondo il loro pensiero, la decisione sarebbe una ritorsione a causa delle sanzioni imposte al Cremlino dai Paesi occidentali.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA