In Ucraina non c’è dialogo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Sembrava si potesse respirare un’aria più distesa invece la tensione tra Ucraina e Russia resta altissima. Con la città di Novoazovsk, a sud di Donetsk, ora controllata dalle truppe russe. Ad abbybcuari il Consiglio nazionale di sicurezza e difesa ucraino: “Ieri i dintorni di Novoazovske posizioni delle Forze armate ucraine sono state bombardate dall’artiglieria dal territorio russo. Dopo è stato effettuato un attacco di due colonne di veicoli armati della Federazione russa”. Le forze dell’operazione anti-terrorismo del ministero dell’Interno e della Guardia di frontiera hanno abbandonato la città. Cancellata la visita in Turchia del presidente ucraino Petro Poroshenko. La situazione è degenerata nuovamente. A Donetsk 11 persone sono morte e i combattimenti sono ripresi.

Ora da Kiev si chiede con insistenza l’intervento dell’Unione europea. L’ambasciatore ucraino all’Ue Kostiantyn Yelisieiev ha chiesto a Bruxelles assistenza militare e ulteriori, risolute e significative sanzioni per fermare l’aggressore» russo”. Poroshenko, invece, chiede venga convocato il Consiglio di sicurezza dell’Onu. Il popolo, da par sua, protesta e chiede al governo di Kiev di mandare più uomini al confine.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA