In Ucraina non c’è dialogo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Sembrava si potesse respirare un’aria più distesa invece la tensione tra Ucraina e Russia resta altissima. Con la città di Novoazovsk, a sud di Donetsk, ora controllata dalle truppe russe. Ad abbybcuari il Consiglio nazionale di sicurezza e difesa ucraino: “Ieri i dintorni di Novoazovske posizioni delle Forze armate ucraine sono state bombardate dall’artiglieria dal territorio russo. Dopo è stato effettuato un attacco di due colonne di veicoli armati della Federazione russa”. Le forze dell’operazione anti-terrorismo del ministero dell’Interno e della Guardia di frontiera hanno abbandonato la città. Cancellata la visita in Turchia del presidente ucraino Petro Poroshenko. La situazione è degenerata nuovamente. A Donetsk 11 persone sono morte e i combattimenti sono ripresi.

Ora da Kiev si chiede con insistenza l’intervento dell’Unione europea. L’ambasciatore ucraino all’Ue Kostiantyn Yelisieiev ha chiesto a Bruxelles assistenza militare e ulteriori, risolute e significative sanzioni per fermare l’aggressore» russo”. Poroshenko, invece, chiede venga convocato il Consiglio di sicurezza dell’Onu. Il popolo, da par sua, protesta e chiede al governo di Kiev di mandare più uomini al confine.