Incendio a Roma, esplodono 50 bombole di Gpl in periferia: centro estivo in fiamme con ragazzi evacuati

Incendio a Roma sta causando diversi problemi nella periferia sia a un centro estivo che è stato evacuato ma anche alle abitazioni vicine.

Incendio a Roma: nella periferia della Capitale ci sono state circa 50 esplosioni di bombole di Gpl che hanno attaccato un centro estivo ma anche alcune case. Sul posto si sono fiondati immediatamente i Vigili del Fuoco che stanno cercando di spegnere le fiamme. Non ancora sono state appurate le cause.

Incendio a Roma, esplodono 50 bombole di Gpl in periferia: centro estivo in fiamme con ragazzi evacuati

Incendio a Roma, esplodono 50 bombole di Gpl in periferia

Un grosso incendio è scoppiato sull’Aurelia a Roma con le fiamme che sono arrivate fino a Casalotti in zona Piazza Ormea. Ci sarebbero due cavalli feriti con circa 50 esplosioni di bombole di gas sentite dai testimoni che hanno visto anche i camper in fiamme.

Sul posto sono giunti immediatamente i Vigili del Fuoco, i soccorritori e le autombulanze. Secondo le prime informazioni, pare che l’incendio abbia avuto un inizio per la precisione in via Aurelia 1052 e poi si è sviluppato anche tra via di Casal Selce e via Bosco Marengo, a pochi passi dal campo nomadi della Monachina. “Quasi tutti gli uomini a disposizione sono impegnati sul posto e stanno lavorando freneticamente”, fanno sapere i pompieri.

Un centro estivo in fiamme con ragazzi evacuati

Stando alle informazioni che sono circolate, le prime fiamme hanno bruciato le sterpaglie all’altezza del civico 1052 e spinte dal vento hanno avvolto un centro estivo per ragazzi, una rimessa di camper e si sono proiettate verso le case. La protezione civile di Roma ha evacuato diversi palazzi.

L’incendio ha attaccato il centro estivo Le Palme, dove decine di bambini e ragazzi sono stati evacuati in tutta fretta. Sul posto diverse squadre dei vigili del fuoco e della protezione civile. Inoltre, sono arrivati anche gli elicotteri dei vigili del fuoco per cercare di spegnere le fiamme.

Leggi anche: Aborto negli Usa, tante le reazioni “vip” alla sentenza della Corte Suprema: alcune aziende come Amazon e Meta pagheranno i viaggi per l’interruzione della gravidanza

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram