Inchiesta Dirty Glass, a tre mesi dagli arresti giudizio immediato per il colonnello Sessa e altri 7 indagati. L’ufficiale già coinvolto nel caso Consip

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Giudizio immediato per il colonnello dell’Arma, Alessandro Sessa, già coinvolto nel caso Consip, e altri sette indagati nell’inchiesta dell’Antimafia di Roma denominata “Dirty Glass”. Il gip Antonella Minunni, come chiesto dai pm antimafia Luigia Spinelli, Barbara Zuin e Claudio De Lazzaro, ha disposto un processo a distanza di tre mesi dagli arresti per imprenditori, investigatori e faccendieri ritenuti coinvolti in un sistema criminale fatto di reati fiscali, tributari, fallimentari, estorsioni aggravate dal metodo mafioso, intestazioni fittizie di beni, falsi, corruzione, riciclaggio, accessi abusivo a sistemi informatici, rivelazioni di segreto d’ufficio, favoreggiamento reale, turbative d’asta, sequestro di persona e detenzione e porto di armi da fuoco.

A finire imputato è così il colonnello Sessa, già a giudizio con l’accusa di depistaggio nel caso Consip. In “Dirty Glass” l’ufficiale è considerato uno degli investigatori che avrebbero protetto e aiutato negli affari illeciti l’imprenditore pontino Luciano Iannotta in cambio di alcune utilità, a partire da un’auto e un telefonino. Un ufficiale che sarebbe arrivato al punto di mettere a disposizione dell’amico imprenditore, già abbondantemente noto alle forze dell’ordine, il suo stesso alloggio di servizio a Roma.

A giudizio, oltre allo stesso Iannotta, fino al giorno dell’arresto presidente della Confartigianato di Latina e del Terracina Calcio, sono quindi stati mandati anche l’imprenditore Luigi De Gregoris, il fisioterapista Natan Altomare, il maresciallo dell’Arma, Michele Carfora Lettieri, gli imprenditori Antonio e Gennaro Festa, e Pio Taiani. Sessa, nello specifico, secondo l’Antimafia di Roma, avrebbe riferito a Iannotta notizie e informazioni “attinenti al proprio ufficio, mettendosi a disposizione per il compimento di attività di osservazione finalizzate alla verifica e accertamento dell’indentità di appartenenti all’Aisi”. L’imprenditore pontino sarebbe infatti riuscito a inserire nella sua rete, per ottenere favori e informazioni riservate, anche uomini degli apparati di sicurezza, che si recavano persino nella sua villa a Sonnino, piccolo centro in provincia di Latina. Aspetti quest’ultimi su cui le indagini sono ancora in corso, tese a far luce su tutti quelli che, indossando una divisa, avrebbero giocato nel campo contrario.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA