Inchiesta Tav in Toscana, arrestata Maria Rita Lorenzetti. L’ex governatrice dell’Umbria ai domiciliari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Maria Rita Lorenzetti, ex presidente della Regione Umbria e attuale presidente di Italferr, società delle Ferrovie che opera nel settore dell’Alta Velocità, è stata arrestata questa mattina nell’ambito dell’inchiesta sul nodo fiorentino della Tav. Per la donna sono stati disposti gli arresti domiciliari nell’ambito di un’indagine della Procura di Firenze. A suo carico – secondo le prime informazioni – verrebbero ipotizzati i reati di corruzione, abuso di ufficio e associazione per delinquere. Nelle 500 pagine di ordinanza di custodia cautelare a carico della presidente di Italferr viene ipotizzato il rischio di reiterazione del reato. In tutto sono sei le persone finite agli arresti domiciliari nell’ambito dell’indagine della procura di Firenze sugli appalti per la Tav. Già lo scorso gennaio Lorenzetti aveva ricevuto un avviso di garanzia per presunti favori fatti nella gestione degli appalti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA