Indagato per una carriola: inchiesta della Procura di Nola sul padre del vicepremier Di Maio. La vicenda riguarda il ritrovamento di rifiuti nella masseria di Mariglianella

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Antonio Di Maio, il padre del vicepremier e ministro del Lavoro, Luigi, secondo quanto riporta l’edizione odierna de Il Mattino, è formalmente indagato dalla Procura della Repubblica di Nola per deposito incontrollato di rifiuti. L’iscrizione, sempre secondo quanto riferisce il quotidiano partenopeo, è avvenuta a seguito del ritrovamento da parte della Polizia municipale nell’appezzamento di terreno, attiguo alla vecchia masseria di famiglia nel comune di Mariglianella, in provincia di Napoli, di alcuni rifiuti inerti, vecchi secchi e di una carriola. A seguito dell’ispezione dei vigili le aree erano state messe sotto sequestro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di dubbia provenienza, a uso e consumo dei candidati che commissionano (e pagano) le indagini. D’altra parte, un po’ d’ottimismo fa

Continua »
TV E MEDIA