India, incendio nel tempio: oltre 100 morti e 200 feriti. La gara di fuochi d’artificio finisce in un’enorme tragedia. Quest’anno la gara non era stata autorizzata

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono almeno 100 i morti causati da un incendio di un tempio nel sud dell’India. Le fiamme questa mattina presto, intorno alle 3 di mattina, nel complesso di templi indù di Puttingal, nel villaggio di Paravoor, a nord della capitale dello stato del Kerala, Thiruvananthapuram. Erano presti migliaia di persone quando le fiamme hanno cominciato a propagarsi. Era la giornata conclusiva della festa di sette giorni in onore della dea Bhadrakali, una incarnazione della dea Kali venerata nel sud dell’India. La causa dell’incendio è stata individuata nei fuochi d’artificio. Ogni anno si tiene una gara di fuochi artificiali fra diversi gruppi. La competizione quest’anno non era autorizzata, perché l’Alta Corte del Kerala aveva vietato simili manifestazioni nel tempio. Una scintilla avrebbe dato fuoco a una batteria di botti che erano stati depositati nel tempio per essere accesi più tardi. Subito le fiamme hanno avvolto il tempio e per molti dei fedeli non c’è stato niente da fare. Oltre alla centinaia di vittime, ci sono almeno altri 200 feriti. Ma il bilancio potrebbe ulteriormente aggravarsi visto.