Inefficienza quanto mi costi! I disservizi nella Pubblica amministrzione ci costano 30 miliardi di euro. Le nostre regioni tra le ultime in Ue

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un dato allarmante e che grida vendetta. L’inefficienza della nostra Pubblica amministrazione costa oltre 30 miliardi di euro all’anno di mancata crescita. La denuncia arriva dall’Ufficio studi della Cgia che fa riferimento, a sua volta, all’esito di uno studio realizzato dal Fondo Monetario Internazionale.

Il risultato a cui sono giunti i ricercatori d’oltre oceano poggia su questa tesi: “se la nostra amministrazione pubblica avesse in tutta Italia la stessa qualità nella scuola, nei trasporti, nella sanità, nella giustizia, etc. che ha nei migliori territori del Paese, il Pil nazionale aumenterebbe di 2 punti (ovvero di oltre 30 miliardi di euro) all’anno”. A confermare “il forte divario” tra il Nord e Sud del Paese sulla qualità/quantità dei servizi erogati dalla nostra Pa, emerge anche dall’analisi dell’Ufficio studi della Cgia su dati relativi a un’indagine condotta dall’Ue sulla qualità della Pubblica amministrazione a livello territoriale.

I dati per regioni europee – Rispetto ai 206 territori rilevati da questo studio, “ben 7 regioni del Mezzogiorno si collocano nelle ultime 30 posizioni: la Sardegna al 178° posto, la Basilicata al 182°, la Sicilia al 185°, la Puglia al 188°, il Molise al 191°, la Calabria al 193° e la Campania al 202° posto. Solo Ege (Turchia), Yugozapaden (Bulgaria), Istanbul (Turchia) e Bati Anadolu (Turchia), presentano uno score peggiore della Pa campana”. Ma non basta. Tra le realtà meno virtuose troviamo anche una regione del Centro, vale a dire il Lazio, che si piazza al 184° posto della graduatoria generale. Tra le migliori 30 regioni europee, invece, non notiamo nessuna amministrazione pubblica del nostro Paese. La prima, ovvero la Provincia autonoma di Trento, si colloca al 36° posto della classifica generale. La Provincia autonoma di Bolzano al 39°, la Valle d’Aosta al 72° e il Friuli Venezia Giulia al 98°. Appena al di sotto della media Ue troviamo al 129° posto il Veneto, al 132° l’Emilia Romagna e di seguito tutte le altre.