L’intelligence norvegese ha arrestato a Oslo il Mullah Krekar. Condannato ieri a Bolzano a 12 anni per terrorismo. Era a capo di una cellula jihadista che operava in Alto Adige

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La polizia norvegese ha arrestato il Mullah Krekar condannato ieri dalla Corte d’Assise di Bolzano a 12 anni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo, anche internazionale, e per essere stato il capo della cellula jihadista “Rawthi Shax” che operava a Merano, in Alto Adige, smantellata nell’autunno del 2015 dai Carabinieri del Ros.

La notizia del fermo, avvenuto ieri sera, è stata resa nota dai media norvegesi. Krekar, al secolo Najmuddin Faraj Ahmad, già figura di spicco di Ansar Al Islam, è stato arrestato dall’agenzia di intelligence della polizia norvegese PST a Oslo dove viveva da 30 anni. Poco prima il Mullah aveva criticato la sentenza italiana con un tweet.

Oltre a Krekar, la Corte d’Assise ha condannato anche Rahim Karim Twana e Hamasalih Wahab Awat a 9 anni di reclusione, Abdul Rahman Rahim Zana, Jalal Fatah Kamil e Hamad Bakr a 7 anni e 6 mesi ciascuno. I Carabinieri del Ros hanno comunicato, questa mattina, l’avvenuto arresto, tra la Norvegia e l’Inghilterra, anche di altri due dei sei condannati.