Interminabile botta e risposta tra la Raggi e Salvini. La sindaca da Copenaghen: “Se avesse partecipato ai summit europei ne sarei stata fiera”. La replica del Capitano: “Fatti da parte. I romani meritano di meglio”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Va avanti da ore, su Twitter, il botta e risposta tra la sindaca di Roma, Virginia Raggi e il leader della Lega Matteo Salvini. “Io agli appuntamenti internazionali mi presento. Se anche il nostro ex ministro dell’Interno avesse partecipato ai summit europei ne sarei stata fiera. Oggi a Copenaghen con Al Gore e 70 sindaci di tutto il mondo. Roma e l’Italia ci sono. #salvinichiacchierone #avolteritornano” sbotta in uno dei tweet la prima cittadina della Capitale.

“Scopro con stupore dal sindaco di Roma – replica l’ex ministro dell’Interno – che avrei governato la città senza nemmeno accorgermene. Raggi dica ai romani se a Copenaghen è andata in gita o per capire come si smaltiscono i rifiuti. Ps per info su mafia capitale, Raggi si rivolga ai suoi nuovi alleati del Pd”. Quasi immediata la replica della Raggi: “Con noi aumentate multe a chi su bus e metro Atac senza biglietto. Quando governavate voi a Roma c’era l’anarchia, Mafia Capitale e si facevano solo debiti. Noi i fatti, tu le chiacchiere. #giulemanidaroma #salvinichiacchierone”.

La mattinata si era aperta con una prima uscita di Salvini, sempre diretta alla Raggi, durante la puntata di Fatti e Misfatti su Tgcom24. Cosa bisogna fare per Roma? “Pulirla, amarla. C’è una città sporca, con problemi di mezzi pubblici di viabilità, metro ferme, ovunque nel mondo i rifiuti sono un valore e una ricchezza a Roma no. A Roma ci sono i no dei 5 Stelle e l’incapacità della Regione con Zingaretti, perché chi si somiglia si piglia, Raggi e Zingaretti adesso sono alleati nazionali, il duo sciagura”.

“Faccio un appello – ha poi aggiunto il Capitano sempre a TgCom24 -: Virginia, ci hai provato per un anno, per due anni, per tre anni, ora stai entrando nel quarto anno e fare il sindaco non è il tuo mestiere, sarai brava a fare altro ma fatti da parte perché Roma e i romani meritano di meglio non la calamità naturale che politicamente ti sei dimostrata. Il problema non è politico, la Raggi potrebbe essere anche della Lega, ma se uno è un danno per i suoi cittadini deve prenderne atto”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA