Intesa e quel mistero russo costato 5 miliardi di euro. La banca finanzia l’acquisto del 19% di Rosneft

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Mentre è al centro della partita su Generali, nella parte del predatore-difensore dell’italianità della compagnia, Intesa Sanpaolo è protagonista di un misterioso affare russo, di cui finora in Italia è stato detto poco o niente. A rilanciare dubbi e sospetti, qualche giorno fa, è stato il Financial Times. In pratica Intesa ha messo sul piatto 5,2 miliardi di euro per finanziare una maxioperazione: l’acquisto del 19,5% di Rosneft, il colosso petrolifero russo, da parte di una joint venture costituita da Glencore (gruppo minerario anglo-svizzero) e da Qia (il fondo sovrano del Qatar).

Il dettaglio – La quota rilevata dalla joint venture, complessivamente, vale 10,2 miliardi di euro. Il primo punto messo in discussione dal giornale economico inglese riguarda quello che in prima battuta sembra (ma forse è meglio dire sembrava) il finanziatore unico dell’operazione, ovvero la banca statale russa Vtb, peraltro sotto sanzioni. Da qui la domanda: perché la cessione presentata da Vladimir Putin come un assaggio di privatizzazione, destinata a rimpinguare le casse pubbliche, poggia sulla leva messa a disposizione di una banca pubblica russa? Insomma, il sospetto sarebbe quello di una finta privatizzazione. Poi però il Financial Times racconta di un altro prestito che si è concretizzato lo scorso 3 gennaio. Nel finanziamento dei compratori è intervenuta Intesa Sanpaolo, all’inizio indicata come semplice advisor del Governo russo sulla cessione di una quota di Rosneft. Ca’ de Sass è scesa in campo mettendo sul piatto 5,2 miliardi di euro, quindi circa la metà del valore complessivo del pacchetto comprato da Glencore e Qia. Ma la banca italiana si è spinta su un terreno a dir poco sdrucciolevole. E questo perché non soltanto Vtb è già stata oggetto di sanzioni, ma nella stessa condizione si trova anche Rosneft. Quest’ultimo ostacolo, in realtà, sarebbe stato superato dalla messa a disposizione dei soldi a beneficio di Rosneftgaz, non sottoposta a sanzioni, la holding che detiene la partecipazione di maggioranza in Rosneft.

Il punto – Ma è chiaro che il coinvolgimento nella partita di Intesa sottopone la banca italiana a qualche rischio. Nel frattempo, con questa nuova linfa, Rosneft potrebbe anche rinverdire vecchie passioni italiane. Qualche mese fa, del resto, il colosso russo è entrato in Zohr, il giacimento di gas scoperto dall’Eni in Egitto. E potrebbe rimettere nel mirino un suo vecchio sogno, ovvero Saipem.

Twitter: @SSansonetti

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA