L’Italia blocca il vaccino Astrazeneca. Palazzo Chigi: “Decisione temporanea e cautelativa”. Magrini (Aifa): “Chi lo ha già fatto può e deve restare sicuro”

Italia blocca vaccino Astrazeneca
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La decisione di sospendere in Italia la somministrazione del vaccino Astrazeneca, adottata insieme al ministro Speranza e in linea con gli altri Paesi europei, è temporanea e cautelativa, in attesa delle prossime valutazioni da parte dell’Ema”. E’ quanto riferiscono fonti di Palazzo Chigi, citate dalle agenzie, a proposito del blocco delle somministrazione del vaccino Astrazeneca anche in Italia (leggi l’articolo).

“C’è stata una sospensione – ha spiegato a Radio Capital il direttore generale dell’Aifa, Nicola Magrini – perché diversi paesi europei, tra cui Germania e Francia, hanno preferito sospendere in presenza di alcuni recentissimi e pochissimi casi di eventi avversi in donne e giovani, e ciò ha suggerito uno stop di verifiche prima di ripartire. A giorni attendiamo Ema e poi vedremo meglio i numeri che saranno analizzati nei prossimi giorni”.

“Chi ha già fatto il vaccino – aggiunge Magrini – può e deve restare sicuro. I dati, come era capitato di dire in questi giorni, erano molto rassicuranti e complessivamente molto positivi, sono stati vaccinati oltre sedici milioni di europei. Questi dati di questi giorni hanno portato all’accelerazione in attesa della verifica, è una misura precauzionale”.

“Io mi sento di dire il vaccino è sicuro – ha detto ancora Magrini -, anche avendo rivisto tutti i dati. Non è stato approvato troppo presto: è stato approvato con dati meno convincenti, da cui le limitazioni anche dell’età in origine. Aveva dati meno ampi per gli anziani. Era ed è un vaccino su cui si ripongono grandi aspettative anche per i grandi quantitativi, che purtroppo non sono giunti. Questi ultimi effetti su persone giovani hanno destato un sospetto che si è voluto cogliere immediatamente. Da qui questa azione altamente precauzionale”.

L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha annunciato che verrà condotta un’analisi rigorosa di tutti i dati relativi agli eventi tromboembolici, casi per i quali si indaga anche in Italia anche in seguito a due decessi sospetti. “Gli esperti stanno esaminando in dettaglio tutti i dati disponibili – riferisce ancora l’Ema – e le circostanze cliniche che circondano casi specifici per determinare se il vaccino potrebbe aver contribuito o se è probabile che l’evento sia stato dovuto ad altre cause”.

“Il comitato per la sicurezza dell’Ema (Prac) – aggiunge l’Agenzie europea – esaminerà ulteriormente le informazioni domani e ha convocato una riunione straordinaria giovedì 18 marzo per concludere le informazioni raccolte e qualsiasi ulteriore azione che potrebbe essere necessaria”.

L’Aifa, riferisce in una nota la stessa Agenzia, “ha deciso di estendere in via del tutto precauzionale e temporanea, in attesa dei pronunciamenti dell’EMA, il divieto di utilizzo del vaccino AstraZeneca Covid19 su tutto il territorio nazionale. Tale decisione è stata assunta in linea con analoghi provvedimenti adottati da altri Paese europei”.