L’Italia con 84.730 somministrazioni è seconda in Europa, dopo la Germania, per numero di vaccinati. A Siracusa medico positivo. Locatelli: “Protezione completa solo dopo la seconda dose”

Vaccino Coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Italia è seconda in Europa, dopo la Germania, per numero di vaccinati contro il Covid. Sono 84.730 le persone a cui il farmaco è stato già somministrato secondo l’ultimo aggiornamento (consultabile qui) reso noto dal Commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus. In testa per numero di somministrazioni c’è il Lazio, con 17.374 vaccinazioni (il 37,9% delle dosi disponibili). Subito dietro ci sono Veneto (11.119 – 28,6), Piemonte (9.719 – 23,8%), Toscana (7.282 – 26,1%). Al decimo posto, dunque molto indietro, c’è la Lombardia (2.416 – 3%). E è di oggi la notizia di una dottoressa dell’ospedale Umberto I di Siracusa risultata positiva al Covid nonostante fosse stata vaccinata sei giorni fa a Palermo. Secondo quanto confermato dall’Azienda sanitaria provinciale siciliana, era stata una delle prime ad essere sottoposta al vaccino e ieri è stata ricoverata. Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, spiega che la protezione immunitaria dall’infezione “è completa solo dopo la somministrazione della seconda dose del vaccino”. “Negli articoli scientifici – ha spiegato il numero uno del Css – è chiaramente riportato che anche negli studi clinici si sono infettate persone dopo la prima dose proprio perché la risposta immunitaria non è ancora completamente protettiva. E lo diventa soltanto dopo la seconda dose. Questa è una delle ragioni per non abbandonare comportamenti responsabili dopo essere stati vaccinati”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA