Iva, Italia maglia nera in Europa. Lo Stato perde oltre 33 miliardi di euro. Ma dal 2013 al 2017 l’evasione si è ridotta di 5 punti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel 2017 l’Italia si conferma prima in Ue per l’evasione Iva in valore nominale, con perdite per lo Stato di 33,6 miliardi, mentre è quarta per il maggior divario tra gettito previsto e riscosso con il 24%, dietro solo a Romania (35,5%), Grecia (33,6%), e Lituania (25,3%). Il dato emerge dall’ultimo rapporto sull’Iva della Commissione Ue. Rispetto al 2016 c’è stato un lieve miglioramento: nel 2017 l’evasione si è ridotta di 2,8 punti percentuali, e in termini nominali è scesa da 37 miliardi a 33,6 miliardi. Nel complesso, dal 2013 al 2017 l’Italia è riuscita a ridurre l’evasione di 5 punti percentuali, con un divario calato dal 30% al 24%. Nel suo insieme, l’Ue ha registrato perdite di introiti sull’Iva per 137 miliardi di euro, ovvero l’11,2% del totale degli introiti stimati sull’Iva. In calo di 10 miliardi rispetto all’anno precedente. L’Italia, scrive la Commissione Ue nel suo rapporto, è un “caso persistente” di elevata evasione e la colpa è da ricercare nel sistema di raccolta. “Per questo vogliamo una riforma complessiva”, ha detto la portavoce dell’Ue.