Jihadi John colpito in un raid americano. Il Pentagono conferma: “Il boia britannico dell’Isis morto nella città siriana di Raqqa”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Colpito, forse a morte, il boia dell’Isis, Jihadi John. Un drone americano potrebbe averlo sorpreso in un raid avvenuto nella città siriana di Raqqa. La notizia è stata diffusa da alti funzionari Usa citati dal Washington Post e dalla Cnn. E fonti militari di alto livello hanno detto alla Bbc che c’é un “elevato grado di certezza che sia morto. Jihadi John, si chiama in realtà Mohamed Emwazi, nato in Kuwait nel 1988 ma si è trasferito con la famiglia a Londra quando aveve sei anni. Appare nel video della decapitazione del giornalista americano, James Foley, nell’agosto dello scorso anno. Ma anche in quello del reporter Usa, Steven Sotloff, dell’operatore americano Abdul-Rahman Kassig, dei britannici David Haines e Alan Henning e del giornalista giapponese Kenji Goto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA