Justin Biber dice no a Donald Trump. Il cantante rifiuta di cantare alla convention repubblicana a Cleveland. Avrebbe guadagnato 5 milioni di dollari per 45 minuti di esibizione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Justin Bieber dice no a Donald Trump e a 5 milioni di dollari. Tanto era il cachet offerto dal candidato repubblicano alla Casa Bianca per esibirsi alla convention repubblicana a Cleveland, nell’Ohio. A svelare la notizia è il sito di gossip americano TMZ.com, il quale riferisce che l’artista avrebbe declinato l’invito di cantare per 45 minuti (e cioè per circa 112mila euro al minuto) all’evento di quattro giorni giorni che ha ufficializzato la nomination del magnate statunitense come candidato numero uno tra i repubblicani alla corsa per la Casa Bianca.

Sempre secondo TMZ, peraltro, il rifiuto non sarebbe arrivato dallo stesso Bieber ma dal suo manager Scooter Braun, fervente sostenitore di Hillary Clinton, che avrebbe suggerito al cantante di rispedire al mittente l’offerta. Come poi, appunto, fatto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA