Kabobo: pazzo, ma sapeva quello che faceva

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Era schizofrenico, ma sapeva perfettamente qual era il significato delle azioni che stava compiendo: questo si legge nelle motivazioni alla sentenza che ha condannato a 20 anni di carcere Adam Kabobo, il 31enne ghanese che nel maggio del 2013, a Milano, aveva ucciso tre persone a picconate in strada.

Nonostante la malattia mentale, si legge nel documento, il 31enne «aveva conservato la capacità di comprendere il valore e il significato del suo comportamento e di agire di conseguenza» . «Egli – si legge nelle motivazioni – era perciò in grado di orientare la sua condotta anche durante la commissione dei reati secondo le motivazioni che non sono ascrivibili alla malattia e in questo senso i periti concludono per una capacità di comprendere il volere e il significato del suo comportamento e di agire di conseguenza». Il giudice ha riconosciuto all’imputato la semi infermità mentale, ma non è stata soltanto la malattia del ragazzo a guidarne la furia, ma anche «la condizione di stress derivante dalla lotta per la sopravvivenza ha inciso sulla patologia di base, aggravando la sintomatologia delirante e allucinatoria e la compromissione cognitiva».