La Bce affonda le Borse

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Mario Draghi affossa le Borse del Vecchio Continente e Piazza Affari sprofonda: a fine giornata il listino milanese ha perso il 3,92%, tornando ai minimi dallo scorso 20 agosto. Gli addetti ai lavori si erano illusi che la Bce potesse dare indicazioni più ficcanti su un piano di acquisto di bond, inclusi i titoli di Stato in stile Federal Reserve, che non sono però arrivate. Il Consiglio riunito a Napoli ha invece annunciato che a metà ottobre partirà l’acquisto di covered bond e, a seguire, entro fine anno, quello di Abs, i prestiti cartolarizzati delle imprese. Confermati come da attese, invece, i livelli dei tassi: quello di rifinanziamento principale allo 0,05% fissato lo scorso settembre (minimo storico), che era stato definito dallo stesso Draghi il livello minimo cui la Bce si può spingere. Fermi anche gli altri tassi: quello sui depositi è a -0,2% e quello marginale allo 0,3%.

Giornata nera per le Borse europee: l’indice Stoxx 600, che fotografa l’andamento dei principali titoli dei listini continentali, ha ceduto il 2,4%, che equivale a 222 miliardi di euro bruciati in una seduta. Piazza Affari, la peggiore, con un calo del 3,76% dell’indice Ftse All share, ha ‘perso’ da sola 19 miliardi di capitalizzazione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA